Il bagno, da semplice zona di servizio, si è via via trasformato in un ambiente sempre più curato, dove tutto è predisposto per prenderci cura di noi stessi nel più completo relax. Le proposte per arredare il bagno sono davvero tante ed è impossibile non trovare qualcosa che soddisfi i nostri gusti e le nostre esigenze, ma come scegliere i mobili per il bagno? Vediamo tutto quello che c’è da sapere!

Mobili per il bagno da appoggio e sospesi

I mobili per il bagno si suddividono in due macro categorie:

  • i mobili da appoggio, che sono appunto appoggiati per terra, con il rischio di togliere spazio ad un bagno già di dimensioni ridotte;
  • i mobili sospesi, visivamente più leggeri e più pratici per quanto riguarda le pulizie.

Ci sono poi altre caratteristiche che possono distinguere i nostri mobili da bagno. Possono essere:

  • a giorno, cioè privi di ante e di cassetti. Risultano comodi per riporre gli oggetti che si usano più spesso, in modo da averli sempre sottomano. Si possono anche completare con scatole o contenitori in plastica, in tessuto o in altri materiali per tenere maggiormente in ordine gli oggetti da riporvi;
  • con cassetti, ideali per riporre oggetti più ingombranti o che, se lasciati in giro, creerebbero disordine, come ad esempio il phon o il rasoio. Se la vostra scelta ricade su questa tipologia dovrete calcolare bene anche lo spazio di apertura dei cassetti;
  • i mobili da bagno con ante sono davvero versatili: potrete sceglierli di diverse altezze e dimensioni e usarli per riporre tutto ciò che vorrete, come ad esempio gli asciugamani, i prodotti di bellezza o gli accessori che utilizzate più spesso.

Le tipologie di mobili per il bagno

A seconda dello spazio a disposizione e delle esigenze di ognuno si possono scegliere diverse tipologie di mobili per il bagno:

  • mobile a colonna da appoggio o sospeso: ha il pregio di essere molto spazioso ma di occupare relativamente poco spazio. Può avere ante, cassetti o spazi a giorno, a seconda delle preferenze e delle necessità;
  • mobile basso da bagno, che può essere collocato in un angolo, sotto un altro mobile sospeso o, se abbastanza robusto, essere usato anche come sgabello o piano d’appoggio;
  • armadio da bagno, che può avere una o due ante e prevedere anche cassetti, specchi o un sistema di illuminazione. In genere viene installato sopra al lavabo, quindi è sospeso e poco profondo;
  • mobile sottolavabo. Può essere una semplice piano d’appoggio per il lavandino, una base da integrare ad un lavabo sospeso oppure prevedere anche un piano toilette in cui inserire il lavabo e avere lo spazio per appoggiare piccoli oggetti di uso quotidiano;
  • scaffali per il bagno, che possono avere varie dimensioni ed essere sospesi o da appoggio, dritti o ad angolo. Possono essere usati per riporre tutto ciò che si desidera e che magari non si usa spesso;
  • specchio da bagno. Lo specchio che viene in genere appeso sopra al lavabo può essere provvisto di una mensolina dove appoggiare oggetti leggeri che si usano di frequente, come la spazzola o il portasapone, oppure essere uno specchio contenitore in cui riporre cosmetici e oggetti di uso quotidiano.

I materiali dei mobili per il bagno

I materiali che si usano più frequentemente per i mobili del bagno sono:

  • legno massello di essenze diverse, tra cui prevalgono legni esotici come teak, mogano, eucalipto e bambù per la loro resistenza nei confronti dell’acqua e per la loro facilità di manutenzione. Al momento dell’acquisto è bene verificare che il legno provenga da foreste gestite in maniera sostenibile e che sia quindi certificato FSC oppure PEFC;
  • melaminato o pannello di truciolare bilaminato. Si tratta di un materiale molto diffuso ed economico, prodotto con scaglie di legno incollate sotto pressione e ricoperte da laminato. È disponibile in moltissimi colori e può avere una finitura opaca, satinata o lucida. È un materiale facile da pulire ma può soffrire l’eccessiva umidità;
  • MDF, un materiale composito più resistente rispetto al melaminato. È composto da fibre di legno unite da un legante e sottoposto ad alte temperature e a forti pressioni. È rivestito da uno strato laccato e, rispetto al melaminato, è più costoso: viene usato per mobili di qualità e dal look moderno.

Siete ancora indecisi su come scegliere i mobili per il bagno? Noi di Interia Living saremo felici di aiutarvi a progettare e a realizzare il bagno dei vostri sogni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione e raccogliere statistiche. Cliccando "Accept", acconsenti all'uso dei cookie oppure clicca "More Info" per i dettagli sulla privacy.